Elettorale

 
 
Scheda 
 

MESSAGGI ELETTORALI – Tipologia T020
Per messaggi elettorali si intendono tutti quei messaggi che fanno riferimento ad elezioni politiche indette dal Ministero dell’Interno (Parlamento/Senato – Amministrative – Europee – Referendum).

Tali messaggi sono soggetti alla par condicio dettata dall'Autorità Garante delle Comunicazioni che, in occasione delle elezioni indette dal Ministero dell'Interno (che provvede a darne comunicazione attraverso la Gazzetta Ufficiale), pubblica il regolamento sul sito www.agcom.it a cui ogni Editore dovrà attenersi da quel momento fino al giorno delle elezioni.

Pubblicazione Tariffe
Dal momento della messa online del regolamento sul sito dell'Agcom, la Direzione Programmazione, Produzione e Gestione Operativa Clienti provvederà a pubblicare le tariffe elettorali, stampa quotidiana nazionale e locale, stampa periodica, inserti periodici e web, su Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport. Dal giorno successivo la pubblicazione sarà possibile accettare messaggi elettorali alle condizioni sotto riportate. La Forza Vendita verrà tempestivamente informata via mail dell'avvenuta pubblicazione..

Messaggi ammessi
Sono ammesse solo le seguenti forme di messaggio elettorale:
• annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi;
• pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati e dei candidati;
• pubblicazioni di confronto tra più candidati.

Gli spazi disponibili devono essere equamente distribuiti fra tutti i soggetti interessati, in condizioni di parità tra loro, purché ne facciano richiesta nei termini stabiliti.
Il principio di parità va osservato tra le liste e i candidati della stessa circoscrizione nonché tra i partiti e/o i movimenti politici.

Ogni Editore è tenuto a far verificare in modo documentale, su richiesta dei soggetti politici interessati, le condizioni praticate per l'accesso agli spazi in questione nonché i listini in relazione ai quali ha determinato le tariffe per gli spazi medesimi.

Tariffe per l’accesso agli spazi
Dal momento della pubblicazione delle tariffe elettorali sulle testate Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport, dovranno essere mantenuti lo stesso trattamento e le stesse condizioni economiche per qualsiasi partito/movimento/candidato (pena incorrere in sanzioni).
I prezzi pertanto, saranno fissi e non negoziabili. Non sono previsti né sconti né diritti d’Agenzia.

Le tariffe per la carta stampata saranno da assoggettare all’aliquota Iva del 4% già nei 90 giorni precedenti le elezioni come da art. 18 della legge 515/1993 modificato dalla legge n. 90/2004 e tuttora in vigore
(18. Agevolazioni fiscali.
Per il materiale tipografico, inclusi carta e inchiostri in esso impiegati, per l'acquisto di spazi d'affissione, di comunicazione politica radiotelevisiva, di messaggi politici ed elettorali sui quotidiani , periodici e siti web, per l'affitto dei locali e per gli allestimenti e i servizi connessi a manifestazioni, nei novanta giorni precedenti le elezioni della Camera e del Senato, dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia nonché, nelle aree interessate, nei novanta giorni precedenti le elezioni dei presidenti e dei consigli regionali e provinciali, dei sindaci e dei consigli comunali e circoscrizionali, commissionati dai partiti e dai movimenti, dalle liste di candidati e dai candidati si applica l'aliquota IVA del 4 per cento).

2. Nel numero 18) della tabella A, parte II, allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, sono aggiunte, in fine, le parole: «materiale tipografico, attinente le campagne elettorali.

REFERENDUM: l’aliquota IVA da applicare è del 22%


Modalità di prenotazione
Trattandosi di avvisi che prevedono il pagamento anticipato, gli stessi devono essere sempre preventivamente opzionati agli Esecutivi competenti.
Sia l'opzione che la prenotazione debbono riportare la tipologia T020 per permettere di tracciare correttamente l'inserimento della pubblicazione elettorale.
Non è possibile prenotare annunci in posizione (es: Top Class, Memostick, etc.).

Tempistiche di prenotazione e consegna dei materiali
Le prenotazione e relativi materiali dovranno essere consegnati non meno di una settimana prima della data di pubblicazione per i quotidiani, 4 settimane per i settimanali, 6 settimane per i mensili e 48 ore prima per internet . Saranno pubblicati tutti gli annunci pervenuti nei termini indicati.

Il materiale dovrà essere inviato in PDF sul sito:
http://inpagina.rcs.it

Modalità di pagamento
Si accettano solo forme di pagamento anticipato, per le uscite sui quotidiani al massimo entro le h. 15,00 del giorno antecedente alla pubblicazione.

Le forme di pagamento tramite bonifico bancario dovranno essere così intestate:

RCS MediaGroup S.p.A.
INTESA SAN PAOLO SPA – Agenzia n. 1902- Via Palmanova 96 Milano
Codice BBAN: CIN B ABI 03069 – CAB 09537 - C/C 000015600124
IBAN IT 10 B030 6909 5370 0001 5600 124
SWIFT BCIT IT MM

Modalità di pubblicazione di messaggi politici elettorali
I messaggi politici elettorali debbono essere chiaramente riconoscibili , anche mediante specifica impaginazione in spazi evidenziati secondo modalità uniformi per ciascuna testata, e devono recare la dicitura  “MESSAGGIO ELETTORALE”  e l’indicazione del loro committente . In caso di Referendum: “MESSAGGIO REFERENDARIO” e l’indicazione del committente.

Il committente è colui che procede agli acquisti e pertanto può essere il segretario amministrativo del partito, il delegato responsabile della propaganda ovvero il singolo candidato o il suo mandatario.

I candidati, con spesa prevista superiore a 2.500€, devono designare obbligatoriamente un mandatario con rapporto reciproco di esclusività. Il mandatario è l’unico responsabile della raccolta fondi per il finanziamento della campagna elettorale.

Pertanto, secondo le disposizioni della legge 515/93, le fatture possono essere intestate esclusivamente ai singoli candidati, partiti o ai loro mandatari.

I materiali dovranno sempre essere preventivamente inviati alla Direzione Programmazione, Produzione e Gestione Operativa Clienti per l’approvazione.

Divieti per le Amministrazioni Pubbliche
Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni.

Stralcio dell’ Art. 9. legge n. 28/2000
(Disciplina della comunicazione istituzionale e obblighi di informazione)

Divieto di pubblicare i messaggi politici elettorali
E’ vietata la pubblicazione e la trasmissione di qualsiasi messaggio elettorale:
Stampa: nel giorno precedente ed in quello/i stabilito/i per le votazioni.
esempio: se le votazioni sono previste per la domenica ed il lunedì, l’ultimo giorno di pubblicazione sarà il venerdì.
Internet: nel giorno precedente (un minuto dopo la mezzanotte) ed in quello/i stabilito/i per le votazioni.
esempio: se le votazioni sono previste per la domenica ed il lunedì, l’ultimo giorno di trasmissione sarà fino alla mezzanotte del venerdì.

Riepilogando:
• tutti gli annunci dovranno essere venduti a tariffe di listino, senza sconto alcuno;
• non sono ammessi annunci in posizione;
• non sarà riconosciuta commissione d'agenzia;
• il pagamento è sempre anticipato;
• fatturazione solo al partito/candidato/committente elettorale/movimento/movimento referendario;
• Elezioni Politiche/Europee/Amministrative: IVA 4% sia per la stampa che per internet. Legge 6 luglio 2012, N.96 (art. 7 comma 5);
• Referendum: IVA 22% sia per la stampa che per internet;
• tipologia T020 elettorale;
• diciture obbligatorie: MESSAGGIO ELETTORALE in alto a dx (minimo corpo 12) oltre al nome del COMMITTENTE ELETTORALE oppure MESSAGGIO REFERENDARIO oltre al nome del committente;
• materiale da inviare sul sito: http://inpagina.rcs.it